“Così la nostra casa si è trasformata in un set”

Sabrina e Antonio hanno colto in pieno lo spirito di CinemadaMare: <<aprite le porte di casa vostra alla comunità cinefila internazionale>>. E così hanno fatto.

<<Ero molto incuriosita al fenomeno CinemadaMare – racconta la vercellese – e dopo aver capito di cosa si trattava mi sono chiesta: perché non aprire casa mia ai registi? È un’occasione rara e sicuramente un’esperienza nuova, in quanto è difficile che un cittadino abbia la possibilità di trasformare la propria abitazione in un set cinematografico>>.