Il Direttore del Festival

Il concetto del Festival si è sviluppato, anno dopo anno, grazie alle molte persone che abbiamo incontrato sul nostro percorso, grazie alle sinergie che abbiamo saputo alimentare, e grazie all’amore per la condivisione che ci rende inclusivi, e non esclusivi.

Ancora oggi, arrivati alla 15° edizione, migliaia di volte mi viene rivolta la domanda “che cos’è CinemadaMare?”.
Più che una cosa, in realtà, la definirei un’idea. Quella idea che ha prodotto il più grande raduno di giovani filmmaker del mondo, un campus itinerante per tutta l’Italia per un percorso di formazione professionale e produzione cinematografica (da quest’anno anche grazie a diverse collaborazioni, come quella con il Centro Sperimentale di Cinematografia e molte altre università di cinema di tutto il mondo).

CinemadaMare è condivisione, partendo proprio dall’amore per il cinema: passioni che si incontrano, sogni che crescono, radici che si intrecciano. Proprio per questo posso dire che il Festival appartiene a tutti coloro che lo amano, e tutti sono chiamati a condividerne lo spirito (libertà artistica, creatività senza frontiere, amore sconfinato per il cinema, collaborazione, tolleranza e rispetto degli altri, più che per se stessi).

Condividere una cosa così bella, come il cinema, ne moltiplica il piacere e il beneficio. Ci sono cose che da soli non si possono fare, come girare un film, che è un prodotto collettivo. Si cresce sempre insieme agli altri, e dagli altri bisogna sempre aspettarsi il meglio: pensare positivo è amare la cultura, è fare cultura.

CinemadaMare è un pezzo di vita vissuto insieme, sui set e fuori dai set!

Benvenuti, a CinemadaMare 2017!

Il Direttore

Franco Rina